LA SINASTRIA nell'ottica dell'Astrologia psicologica evolutiva.

a cura di Lucio Canonica

 

Introduzione

La Sinastria è una tecnica sviluppata verso gli anni 1920 per mettere in relazione gli oroscopi di due persone e per giudicare le caratteristiche del loro rapporto.

A questo scopo vengono esaminati gli aspetti (ossia le relazioni) esistenti tra i Pianeti dell'uno con quelli dell'altra persona.

In questo articolo cercheremo di far spazio sia a considerazioni di tipo psicologico come pure a riflessioni sul contributo evolutivo delle relazioni.

 

I Pianeti

Abbiamo visto nel "Breve corso di Astrologia psicologica evolutiva" che i Pianeti possono essere visti come nostre Sub-Personalità, ognuna con delle caratteristiche particolari. Essi manifestano molto spesso delle caratteristiche non evolutive, collegate alle paure e ai desideri del nostro Ego. Talvolta però possono superare queste paure e desideri egoistici, manifestando allora le loro caratteristiche evolutive.

Nella Sinastria giova suddividere i Pianeti a seconda del livello al quale operano in una persona.

Sole, Luna, Mercurio, Venere, Marte e Giove manifestano bisogni che sono presenti alla nostra coscienza personale. Operano in funzione dell'Ego (-ismo) e sono detti Pianeti personali.

Saturno, Urano, Nettuno, Plutone si manifestano generalmente sfuggendo alla nostra coscienza ed agiscono in modo coattivo ed automatico. Spesso ci trascinano in situazioni in cui il nostro Ego non avrebbe voluto andare, sabotano i desideri dell'Ego. Queste spinte sono portatrici di esigenze che vanno al di là del nostro utile immediato. Esse riflettono dei valori che sono universali, validi per tutti e necessari per diventare pienamente umani, ma se l'Ego fa resistenza (ciò che succede molto spesso), esse esprimono allora le reazioni automatiche frutto di esperienze di vita (frustranti) vissute nell'infanzia. Per questa ragione parliamo di Pianeti transpersonali ( ma sarebbe meglio chiamarli i Pianeti che ci spingono oltre i desideri e le paure dell'Ego).

 

Alcune parole chiave per i Pianeti

Per aiutarci nell'interpretazione possiamo caratterizzare i Pianeti con alcune qualità

che manifestano sovente e che tornano molto utili nelle Sinastrie:

SOLE: Volontà di realizzare ciò che si è, Dimostrazione di Forza e Potenza

LUNA: Bisogno di rassicurazione emotiva, Reazioni emotive, Identificazione emotiva

MERCURIO: Modo di pensare, Razionalità e Ricerca dell'Utile, Comunicazione

VENERE: Voglia di unione, d'armonia, di Sicurezze, Benessere, Amore

MARTE: Intraprendenza, Aggressività, Sessualità

GIOVE: Crescita e Realizzazione di ciò che interessa, Ricchezza (materiale o

immateriale) e Prestigio

SATURNO: Obiettivi, Senso del Dovere e di Responsabilità, Inibizione (dell'Ego)

URANO: Emancipazione, Libertà, Anticonvenzionalità

NETTUNO: Sogni e Ideali, Clandestinità, Spinta alla Fusione, Disinibizione

PLUTONE: Lotta contro l'impotenza, contro dogmi e tabù, Recupero di potere

 

L'Altro è come un Transito sul mio Tema Natale

Nel mio TN sono rappresentate tutte le mie Sub-Personalità: il mio Sole, la mia Luna e gli altri 8 Pianeti.

Anche la persona che incontro ha un TN, con il suo Sole, la sua Luna, e i suoi altri 8 Pianeti.

Una cosa che ci collega è lo Zodiaco, che trasmette nei suoi Segni delle istruzioni e modalità valide per tutto e per tutti.

Posso allora nel mio TN riportare sullo Zodiaco le posizioni dei Pianeti della persona che ho incontrato. Generalmente si usa riportarli all'esterno del proprio TN.

Ciò che ottengo è come un Transito e come tale agisce.

 

Gli aspetti di sinastria risvegliano solo ciò che è già presente nel TN

Ricordiamoci che come i transiti non possono che influenzare ciò che è già presente in un TN, così anche gli aspetti di sinastria non possono che risvegliare ed influenzare ciò che è già presente (Pianeta in una certa casa) nel TN di una persona. Quindi è importante capire i TN individuali prima di affrontare una Sinastria.

Se ad es. si produce una congiunzione tra il mio Saturno in 3a casa e la Luna in 4a casa del mio partner, io ne sentirò l'effetto in 3a casa e il mio partner nella sua 4a casa. Io, invece di essere inibito nella comunicazione (Saturno in 3a), potrò integrare la capacità d'identificazione emotiva al mio Senso del Dovere e di Responsabilità per esprimerlo nella comunicazione. Il mio partner invece di essere in balìa dell'emotività (Luna) nella sua ricerca d'appartenenza e di stabilità emotiva (casa 4) potrà aggiungere il Senso del Dovere e di Responsabilità alla sua capacità d'identificazione emotiva per riuscire a trovare appartenenza e stabilità emotiva. Quindi io imparerò a mettermi nei panni degli altri mentre il mio partner imparerà a diventare più responsabile e maturo. Se poi la Luna non accettasse la lezione di Saturno, sentirebbe solo il suo effetto opprimente ed inibente.

 

Tipi di Aspetti e loro caratteristiche

I Pianeti dell'Altro formano degli aspetti (detti di sinastria) con i miei Pianeti natali. Le Orbis considerate sono come quelle del TN.

I tipi di aspetti considerati sono generalmente: le Congiunzioni, i Sestili, i Quadrati, i Trigoni, i Quinconce e le Opposizioni.

Gli aspetti più forti sono le Congiunzioni, seguite da Quadrati, Opposizioni, Trigoni ed infine da Quinconce e Sestili.

Il Quinconce, aspetto ingiustamente poco usato, esprime delle frizioni e una necessità di revisione e di adattamento.

Dal punto di vista dell'Ego, Quadrati, Opposizioni e Quinconce risultano "sfavorevoli" e difficili, ma sono anche stimolanti per la crescita personale, mentre Trigoni e Sestili risultano "favorevoli", tranquilli, rassicuranti.

L'effetto delle Congiunzioni dei Pianeti di due persone dipende dai Pianeti coinvolti. Sempre dal punto di vista dell'Ego, i Pianeti con un effetto "gratificante" (detti "benefici") sono Sole, Luna, Mercurio, Venere, Giove, mentre i "provocatori" disturbanti (detti "malefici" in passato) sono Marte, Saturno, Urano, Nettuno, Plutone. Dal punto di vista dell'Ego la congiunzione tra Pianeti benefici è "favorevole", mentre quella tra provocatori o di un provocatore con un benefico è "sfavorevole" perchè frustrante e destabilizzante.

Sottolineamo che questa valutazione è quella dell'Ego e non riflette il contributo evolutivo

e di crescita della persona reso possibile dai "provocatori".

 

Aspetti e meccanismi psicologici rivelati

Un aspetto, in sè, rappresenta solo una relazione tra due Pianeti. L'uno non può agire senza tener conto dell'altro. Rivedendo le caratteristiche evolute e non evolute dei Pianeti, illustrate nel "Breve corso di astrologia psicologica evolutiva", ci renderemo meglio conto delle opportunità di crescita apportate dai cosiddetti provocatori e dei lati meschini che possono presentare i cosiddetti benefici.

Vediamo ora l'effetto dei diversi aspetti:

Congiunzione: il Pianeta P1 aiuta nella sua funzione il Pianeta P2 diventandone parte integrante e lavorando con lui per realizzare ciò che vuole. Sia il Pianeta P1 che il Pianeta P2 diventano così più forti e più efficaci.

Quadrato: il Pianeta P1 entra in conflitto con il Pianeta P2, lo sfida per farlo uscire allo scoperto: è come se gli dicesse "Vieni fuori e fatti vedere se hai del coraggio!".

Il Quadrato ha un effetto altamente stimolante sul Pianeta P2 (e viceversa).

Opposizione: il Pianeta P1 rappresenta qualcosa di molto forte, spesso qualcosa che ha preso un'importanza, un peso eccessivo (lo stesso è valido per il Pianeta P2 della persona incontrata) che non si può più tollerare. Il Pianeta P1 sente di avere un gran bisogno di P2 (e il P2 dell'altro sente di aver bisogno di P1) per correggere la situazione. Avviene allora uno scambio di ruolo tra i due. Il proprio P1 viene negato, rifiutato e sostituito con il P2 dell'altro (e viceversa).

Il risultato pratico è che si fa fare all'altro ciò che noi non vogliamo fare e che facciamo ciò che l'altro non vuol fare, e questo può servire a tutti e due per ritrovare un equilibrio in sè stessi (ma spesso serve solo a eliminare qualcosa che disturba l'immagine che vogliamo dare di noi stessi). Il meccanismo all'opera è quello di una proiezione.

Quinconce: il modo di fare del Pianeta P1 disturba, dà noia e suscita attriti con P2 (e viceversa) così da essere obbligato (e ad obbligare l'altro) a rivedere le proprie posizioni. In mancanza di una disponibilità alla revisione e a un adattamento alla situazione esistente, l'aspetto assume una forza distruttiva.

Trigono: il Pianeta P1 favorisce, appoggia e sostiene il Pianeta P2. Fra i Pianeti P1 e P2 vi è una cooperazione che aiuta entrambi.

Sestile: tra i Pianeti P1 e P2 regna l'armonia. Ciò che fà l'uno va bene per l'altro e viceversa.

Per riassumere, quando un Pianeta P1 forma un aspetto con un altro Pianeta P2 stabilisce un certo tipo di relazione che può essere designato con i seguenti concetti:

congiunzione: P1 collabora e diventa parte di P2 (per renderlo possibile)

quadrato: P1 entra in conflitto e sfida P2 (per farlo uscire allo scoperto)

opposizione: P1 si scambia con P2 (per riequilibrarsi o salvare l'idea di sè)

quinconce: P1 disturba P2 (per portarlo a una revisione)

trigono: P1 sostiene e aiuta P2

sestile: P1 è in armonia con P2

 

Alcuni aspetti singolari

L'Opposizione di due Soli indica una complementarietà di qualità, e il Quadrato una rivalità stimolante (non necessariamente negativa). Entrambi gli aspetti sono però portatori di tensioni logoranti nel tempo.

La congiunzione di Marte con Venere indica una forte sessualità.

Trigoni e sestili di Saturno con Sole, Luna, Venere, Marte e Giove conferiscono solidità e durata al rapporto.

Il Quadrato Marte-Saturno indica spesso una relazione difficile e frustrante per l'Ego, anche se contiene il potenziale di lottare insieme nella vita (quando Marte accetta la disciplina di Saturno).

 

 

La griglia degli aspetti (influssi) di sinastria

Riportando i Pianeti della Persona "A" sul bordo superiore della griglia e quelli della Persona "B" sul bordo laterale, posso indicare gli aspetti tra i Pianeti delle due persone nelle caselle della griglia.

Ecco un esempio:

L'esempio è quello del Duca e della Duchessa di Windsor. Un rè che abdica per amore non è cosa corrente!

Lungo il bordo superiore della griglia sono riportati i Pianeti del Duca, nella tabellina laterale i Pianeti della Duchessa.

 

I quattro settori d'interazione

I dieci Pianeti del Duca interagiscono con i dieci Pianeti della Duchessa e queste interazioni (aspetti) vengono indicati nelle caselle della griglia.

Se considerassimo solo l'interazione tra i Pianeti personali (Sole, Luna, Mercurio, Venere, Marte e Giove) individueremmo un settore della griglia (in alto a sinistra) nel quale i Pianeti dell'uno interagiscono con i Pianeti dell'altro. L'interazione in questo settore è pienamente cosciente e vissuta dall'Ego di ognuno. Potremmo leggervi il tipo d'interazione nella vita quotidiana, se tranquilla o conflittuale (a seconda degli aspetti).In questo settore i Pianeti di "A" influiscono sui Pianeti di "B" e viceversa, ma senza produrre cambiamenti di personalità.

Se invece considerassimo solo l'interazione dei Pianeti transpersonali (Saturno, Urano, Nettuno, Plutone) individueremmo un altro settore della griglia (in basso a destra) nel quale le interazioni dei Pianeti sono completamente sottratte alla nostra volontà. Esse riflettono compatibilità o incompatibilità generazionali e derivanti dal "Destino".

I due settori restanti indicano l'interazione tra i Pianeti transpersonali di "A" con i Pianeti personali di "B" (settore in alto a destra) e rispettivamente l'interazione tra i Pianeti transpersonali di "B" con i Pianeti personali di "A" (settore in basso a sinistra).

I Pianeti transpersonali, che sfuggono alla nostra volontà, sono più forti dei Pianeti personali. I Pianeti transpersonali dettano legge ai Pianeti personali e li condizionano mentre i Pianeti personali non possono che risvegliare, stimolare, rafforzare i Pianeti transpersonali ed esserne influenzati.

Il settore in alto a destra indica l'apporto, il servizio reso dai Pianeti personali di "B" al risveglio, allo sviluppo di "A" e l'influsso conseguente sulla vita di "A".

Contemporaneamente questo settore indica anche la Risposta dei Pianeti transpersonali di "A" alle sollecitazioni di "B" ossia la Reazione di "A" nei confronti di "B", accettata più o meno bene dall'Ego di "B".

Analogamente il settore in basso a sinistra indica l'Apporto "A" al risveglio, allo sviluppo di "B" e l'influsso conseguente sulla vita di "B". Contemporaneamente indica anche la Risposta di "B" ad "A", accettata più o meno bene dall'Ego di "A".

Questi due settori hanno a che fare con gli influssi e i cambiamenti indotti da una persona sull'altra tramite la relazione.

Riassumendo, la valenza dei settori della griglia è la seguente:

con "A" sopra e "B" lateralmente

Interazione quotidiana vissuta

dall'Ego di ognuno dei partner

Apporto di "B" allo sviluppo di "A"

Influsso su "A"

Sviluppo in "A"

Risposta di "A" all'Ego di "B"

Apporto di "A" allo sviluppo di "B"

Influenza su "B"

Sviluppo in "B"

Reazione di "B" all'Ego di "A"

Compatibilità

ed Incompatibilità generazionali:

Volontà del "Destino"

 

Aspetti tra Sole e Luna

Sole e Luna, immagine di sè e rispettivamente emotività, sono entrambi legati all'Ego di cui costituiscono le componenti principali.

Ovviamente gli aspetti tra i luminari sono molto sentiti dall'Ego.

Aspetti, anche provocatori, sono meglio di un'assenza di aspetti. Quelli provocatori risultano però logoranti nel tempo.

Aspetti difficili tra Sole e Luna sono critici, ma da soli non bastano ad impedire una relazione, anche se ne pregiudicano la durata.

 

 

 

L'importanza degli aspetti con i Governatori del DS e del MC

Il Governatore del DS (nella casa in cui sta) indica ciò che ci attira, ciò che ci serve per completarci e per portare a termine il compito della nostra vita.

Il Governatore del MC (nella casa in cui sta) indica il nostro obiettivo ultimo, il compito che dobbiamo assolvere nella vita

Siccome i Governatori dipendono da punti che si muovono molto velocemente in un TN (ad es. il MC si muove di 1 ogni 4 minuti) essi indicano qualcosa di molto individuale ed importante per una relazione. Gli aspetti con questi Governatori risulteranno quindi molto importanti per giudicare le relazioni.

 

La relazione nell'ottica dell'Ego

Soddisfazioni, Conflitti e Crisi dell'Ego sono rivelate dagli aspetti.

Gli aspetti formati da tutti i Pianeti di "B" con i Pianeti personali di "A" indicano interazioni gratificanti o conflittuali e frustranti a seconda che gli aspetti siano "favorevoli" o "sfavorevoli" all'Ego di "A".

Critici risultano tutti gli aspetti "sfavorevoli" con Sole e Luna.

Molto critici per la durata sono gli aspetti "sfavorevoli" tra i luminari (Sole eLuna)

Sole e

Luna

Altri Pianeti di "A"

Altri Pianeti

di "B"

 

 

(critici sono pure gli aspetti con i Governatori di DS e MC)

 

La relazione nell'ottica evolutiva

La vera felicità consiste in una identificazione, partecipazione emotiva e fusione con gli altri e con il Tutto, raggiunta dimenticandosi di sè, superando le paure e i condizionamenti dell'Ego per far posto a ciò che si è e si sente veramente.

Ogni relazione ci apporta un'occasione di "sciogliere dei nodi" che ci tengono legati e chiusi su noi stessi, sul nostro Ego.

I nodi più difficili sono quelli indicati dagli aspetti "sfavorevoli" con i Pianeti transpersonali (da Saturno a Plutone), perchè indicano delle "prove" alle quali questi Pianeti (Sub-Personalità) vengono sottoposti. L'interazione con l'altro ci dà la possibilità di portare alla luce delle verità su di noi, ignorate o negate dall'Ego perchè scomode, dolorose e richiedenti degli sforzi per cambiare la nostra vita in conseguenza, una volta riconosciute.

Individueremo queste "Prove" guardando gli aspetti "sfavorevoli" che si trovano nella griglia nei settori seguenti:

 

da Saturno a Plutone

 

da Saturno

a Plutone

 

Ogni "Prova" ci dà l'occasione di diventare più autentici, più veri e di avanzare nel cammino verso la piena umanità e la felicità.

 

Considerazioni sulla griglia del Duca e della Duchessa di Windsor

Guardando la griglia è impossibile non essere colpiti dalla distribuzione diseguale degli aspetti.

Il Duca riceve molti più apporti dalla Duchessa (settore in alto a sinistra) di quanti ne riceva la Duchessa dal Duca (settore in basso a destra). Forse questo spiega (oltre le predisposizioni nel TN) perchè il Duca abbia rinunciato al trono per la Duchessa.

Altra cosa che non può sfuggire è il fatto che ben 8 Pianeti della Duchessa siano in aspetto con Giove (Ricchezza e Prestigio) del Duca. Wallis Simpson fu un'avventuriera che conobbe umiliazioni e la povertà da bambina. Sposando il Duca disse che "si sentiva come Wallis nel paese delle meraviglie" perchè bastava esprimesse un desiderio affinchè fosse subito esaudito.

Vi è un'opposizione tra Saturno (in casa 8) del Duca e Marte (in casa 10) della Duchessa. Quindi il Duca si prese Marte (in casa 8 della Lotta ai tabù) e passò il suo Saturno (in casa 10 dei Doveri e Responsabilità) alla duchessa. Il Sole di questa fa inoltre un quadrato con Marte di lui, ossia gli dice "Vieni fuori e fatti vedere se hai del coraggio!" Dice una biografia che Wallis Simpson "aiutò" il Duca a soddisfare i suoi bisogni in campo sessuale (si dice che avesse appreso in Cina delle sottili arti sessuali!). Ma anche Saturno in 10a è descritto dai biografi: fu una moglie dittatoriale.

Il Sole di lei forma una congiunzione con il Sole di lui (unità d'intenti) e un trigono di sostegno alla Luna (bisogni di rassicurazione emotiva) di lui.

Tra le due Lune esiste un quinconce che denuncia delle frizioni, degli attriti sul piano delle reazioni emotive.

Non spingeremo oltre l'esame di questa Sinastria in questa sede, ma constatiamo di avere a disposizione dei validi strumenti d'indagine per farlo.

 

 

Considerazioni finali

E' meraviglioso vedere come ogni relazione agisca come un transito su di noi, arricchendoci, stimolandoci, facendoci crescere.

E' come se in noi ci fosse un grande armadio pieno di cassetti di cui molti chiusi a chiave. Ogni persona con la quale stabiliamo un rapporto coinvolgente ha delle chiavi per aprire i nostri cassetti, e noi delle chiavi per aprire i suoi.

Non una sola, bensì tutte le relazioni coinvolgenti ci servono per arricchirci, per liberare qualcosa in noi, qualcosa che ci serve per sentirci più vitali e più felici, e ogni relazione apre altri cassetti!

Spesso però i modelli, gli stereotipi, i dogmi e tabù dell'ambiente in cui viviamo ci ostacolano e ci condizionano. Non abbiamo il coraggio di essere veri e spontanei perchè siamo condizionati da ciò che siamo stati abituati a pensare riguardo a ciò che si dovrebbe o non dovrebbe fare, a ciò che è lecito o illecito, a ciò che è bene e ciò che è male. E allora lottiamo con noi stessi per convincerci che sarebbe una pazzia, che non è giusto, oppure fuggiamo nell'ipocrisia e nella menzogna.

La nostra Società e la Religione istituzionalizzata ci invitano ad avere una sola relazione importante, consacrata da un rito e dal contratto di matrimonio. In questo hanno buon gioco, facendo leva sul desiderio di unicità del nostro Ego e sulle sue paure di affrontare l'ignoto.

Ma dentro di noi agisce la spinte profonda e inconscia del bisogno di verità e di autenticità, di crescita e di fusione con l'altro, la spinta verso la felicità.

L'inconscio si scontra con la ragionevolezza. Se vince questa sprofondiamo nell'indifferenza e nella depressione. Se mentiamo dovremo continuare a nasconderci. Se vince l'inconscio per un certo tempo dovremo fare i conti con la disapprovazione della Società, ma poi vivremo più liberi e in modo più autentico, saremo cresciuti.

Forse sarebbe saggio e razionale prendere atto di queste cose. La storia del principe azzurro(o principessa azzurra) è un pio desiderio, ma è falsa. Tutte le relazioni coinvolgenti sono diverse e ci servono. Una non nega l'altra, non la sostituisce ma la completa. Amare non vuol dire chiudersi in una prigione a due posti. Sottoscriviamo pure dei contratti per impegnarci alla correttezza verso l'altro e verso i figli, ma poi apriamo la prigione ed andiamo incontro agli altri con meno freni e paure e con più spontaneità. Ogni relazione ci serve per avanzare sul cammino della felicità e della piena umanità.